Piombino, Jindal e la ripartenza

Piombino, Jindal e la ripartenza

Un carico di 18600 tonnellate di acciaio arrivato a Piombino dall’India, ha permesso l’avvio della produzione di rotaie ed il rientro in fabbrica di 270 operai addetti alla laminazione, mentre altri 40 dipendenti sono impegnati nel ripristino degli impianti e nella loro manutenzione.

Alla fine del mese di ottobre è prevista la riaccensione di altri due treni per la laminazione, mentre è allo studio di fattibilità la possibilità dell’apertura di una nuova acciaieria nell’area a nord dello stabilimento.

Piombino è l’unico impianto in Italia in grado di realizzare le rotaie dei treni, per questo il gruppo Jindal sta mettendo in atto tutte le opportune strategie industriali, in modo da poter rispettare il contratto per la fornitura di 45000 tonnellate di rotaie per le Ferrovie dello Stato.

Colgom, nel corso degli anni, ha fornito all’acciaieria di Piombino le vernici anticorrosive adatte alla protezione delle varie strutture dello stabilimento sottoposte ad un ambiente ad alto rischio corrosivo.